GSA Senigallia gsa Seniggallia gsa Seniggallia dicembre Notizie
  Notizie     
 
Visitatori
Visitatori Correnti : 5
Membri : 0

Per visualizzare la lista degli utenti collegati alla community, devi essere un utente registrato.
Iscriviti
Iscritti
 Utenti: 53
Ultimo iscritto : sfrance
Lista iscritti
Top - Siti web
Benvenuto sul Monte Catria (IT)
Associazione Amici del Centro Ricerche Floristiche (IT)
Le Terre di Frattula (IT)
VivereSenigallia (IT)
60019.it (IT)
Se trovi un libro... (IT)
Enciclopedia online (IT)
Movimento Lento Ciclabile (IT)
La permacultura (IT)
Latte crudo (IT)
infs-acquatici (IT)
Associazione A.R.C.A. (IT)
Versioni
Log in
Login
Password
Memorizza i tuoi dati:
Eventi
<
Dicembre
>
L M M G V S D
-- -- -- -- 01 02 03
04 05 06 07 08 09 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
-- -- -- -- -- -- --

Questa settimana
Statistiche
Wikipedia
Orologio
Modulo Ricerche


IL MOTORE ECOLOGICO

 
nel web  
pagine in italiano
  

Bacheca

IO STO CON
EMERGENCY

GSA sta con emergency
 firma l'appello
 on line


PRONATURA


BANCAETICA


GSA on FACEBOOK


Il rispetto dell'Ambiente
è un gioco molto serio!


fonte:
Stop Consumo Territorio


Sito denuclearizzato

 
Lo spreco energetico
Inserito il 13 dicembre 2008 alle 18:38:00 da sauro. IT - Comunicati stampa GSA

A cura del Gruppo Società e Ambiente

Oggetto; contraddizioni nella lotta agli sprechi energetici.

L’allarme lanciato da più parti ci spinge a credere che, in un prossimo futuro, non avremo energia sufficiente per il nostro fabbisogno nazionale. Già alcuni membri del governo, dopo aver adocchiato il “carbone pulito” che sappiamo essere una sciocchezza, tornano a parlare e progettare di nucleare.

Ci serve energia quindi dobbiamo costruire centrali nucleari. L’obiezione sarebbe facile: se ci serve energia perché tagliare finanziamenti alle rinnovabili invece di incentivarli, perché rendere difficile ad un semplice cittadino costruirsi un tetto fotovoltaico e prodursi energia da solo? La risposta è semplice: una centrale nucleare accontenta gli appetiti di molti, un tetto fotovoltaico no! Ma siamo sicuri di aver bisogno di più energia? Se invece di energia ne abbiamo a sufficienza, ma la utilizziamo male? Le lampadine a basso consumo, gli elettrodomestici di classe A, le doppie finestre, un buon isolamento alla casa, i lavaggi in lavatrice a basse temperature, sono tutti passi verso la giusta direzione. Imparare a non sprecare perché possa esserci energia per tutti.
Gli sforzi fatti da ogni singolo cittadino sono lodevoli, per questo rimaniamo delusi quando vediamo che questi sforzi vengono poi contraddetti da comportamenti visibili da tutti se non dalle stesse amministrazioni pubbliche.
Cominciamo con la pista di pattinaggio sul ghiaccio. Divertente per i bambini, ma quanto costa in termini energetici mantenere una struttura come quella? Magari in una giornata di scirocco con punte di oltre 15°? Non stiamo parlando di chi ha pagato la pista sul ghiaccio, e nemmeno di chi pagherà la bolletta, stiamo parlando di dispendio energetico, cioè dell’energia impiegata per mantenere una simile struttura.
La stessa proposta, avanzata qualche anno fa da un campione del settore, non era stata bocciata dalla Amministrazione Comunale per ”l’elevato impatto ambientale”?
Ancor più grave ci sembra l’abitudine che va sempre più espandendosi da parte dei locali pubblici che si attrezzano all’aperto.Abbiamo bar e caffetterie spesso vuote all’interno, mentre la gente sta seduta fuori sotto dei funghi a gas o altri tipi di diffusori di calore elettrici.
Scaldiamo l’aria! Consumiamo energia per scaldare l’aria esterna, vi appare una cosa sensata? Oltre che uno spreco energetico rilevante ci sembra anche fortemente diseducativo, visto che ad usufruirne sono spesso giovani o giovanissimi. Ed anche contraddittorio, poiché si elargiscono, giustamente, forti sgravi e contributi, pubblici, a chi attrezza i propri locali per limitare al massimo la dispersione di calore.
Bisogna prendere coscienza che anche se la paghiamo, l’energia che sprechiamo non è più recuperabile. Dobbiamo invertire questa tendenza, moderare le nostre pretese a favore di un uso più razionale delle risorse, l’energia non è un bene inesauribile, quindi va usato con avvedutezza, e renderci conto con i fatti che la principale e più sicura fonte alternativa al petrolio è il risparmio energetico.


Letto : 2633 | Torna indietro
 
 © GSA Senigallia dicembre  sito realizzato con ASP-Nuke  adattato da Creazione Siti Senigallia  Questa pagina è stata eseguita in 2,042969 secondi.
sito ufficiale dell'associazione senigalliese gruppo società e ambiente Versione stampabile Versione stampabile