GSA Senigallia gsa Seniggallia gsa Seniggallia dicembre Notizie
  Notizie     
 
Visitatori
Visitatori Correnti : 10
Membri : 0

Per visualizzare la lista degli utenti collegati alla community, devi essere un utente registrato.
Iscriviti
Iscritti
 Utenti: 53
Ultimo iscritto : sfrance
Lista iscritti
Top - Siti web
Benvenuto sul Monte Catria (IT)
Associazione Amici del Centro Ricerche Floristiche (IT)
Le Terre di Frattula (IT)
VivereSenigallia (IT)
60019.it (IT)
Se trovi un libro... (IT)
Enciclopedia online (IT)
Movimento Lento Ciclabile (IT)
La permacultura (IT)
Latte crudo (IT)
infs-acquatici (IT)
Associazione A.R.C.A. (IT)
Versioni
Log in
Login
Password
Memorizza i tuoi dati:
Eventi
<
Dicembre
>
L M M G V S D
-- -- -- -- 01 02 03
04 05 06 07 08 09 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
-- -- -- -- -- -- --

Questa settimana
Statistiche
Wikipedia
Orologio
Modulo Ricerche


IL MOTORE ECOLOGICO

 
nel web  
pagine in italiano
  

Bacheca

IO STO CON
EMERGENCY

GSA sta con emergency
 firma l'appello
 on line


PRONATURA


BANCAETICA


GSA on FACEBOOK


Il rispetto dell'Ambiente
è un gioco molto serio!


fonte:
Stop Consumo Territorio


Sito denuclearizzato

 
Via Bari
Inserito il 01 febbraio 2009 alle 15:41:00 da sauro. IT - Comunicati stampa GSA

di Virginio Villani

Le associazioni ambientaliste hanno chiesto ripetutamente in passato che ogni intervento sul verde urbano di Senigallia dovesse essere subordinato alla presentazione di un Piano del Verde.



Per questo hanno condannato l'improvviso e non necessario abbattimento dei pini di via Bari e ancora non riescono a capire la funzionalità del progetto di sistemazione stradale, identico a quello precedente, con il ripristino di due marciapiedi poco ampi e con la sistemazione delle aiuole per gli alberi su ambo i lati una di fronte all'altra. Una proposta di soluzione diversa era dovuta rientrare, si presume per l'opposizione dei residenti, perché veniva a restringere troppo lo spazio per i parcheggi.
Ora a conclusione di tutto questo iter poco comprensibile vengono impiantati i soliti peri da fio-re, contro cui le associazioni ambientaliste e molti cittadini si sono già espressi, in quanto ritenuti giustamente alberi ornamentali da giardino, dalla chiome molto ristrette, incapaci quindi di fare massa verde e di dare la necessaria copertura di ombra ad una strada.
Non si capiscono i motivi per cui nella nostra città si stia affermando questa scelta a favore degli ibridi di pero e melo da fiore, che se adottata estensivamente contraddirebbe più elementari principi tecnici nella costituzione del verde urbano che consigliano la massima differenziazione delle specie, sia per ovvi motivi estetici, sia quale prima difesa fitosanitaria.
La giustificazione secondo cui questa specie richiederebbe poca manutenzione, è da noi ritenuta non accettabile e anche poco convincente, perché le alberature urbane, se impiantate alla giusta di-stanza e curate in maniera intelligente, non richiedono comunque molta manutenzione. Ammesso poi che questo sia vero, ci sarebbero sempre molte altre specie che potrebbero offrire gli stessi van-taggi, basta sfogliare anche il più semplice dei manuali.
Il denaro che si spende oggi per curare il verde urbano è dovuto in gran parte ad errori del passato nella scelta degli esemplari, nei metodi di impianto e nell'errato sistema di potatura usato per decenni
Resta quindi il forte dubbio che una scelta del genere, più che il frutto di una meditata valuta-zione, sia espressione della incomprensibile caparbietà dell’assessore ai lavori pubblici Ma la mate-ria non dovrebbe essere di competenza dell’assessore all’ambiente ?


GRUPPO SOCIETA’ E AMBIENTE e ITALIA NOSTRA


Letto : 3478 | Torna indietro
Commenti
1 Commento
Inserito il 03 febbraio 2009 alle 11:04:53 da Nina65.  0/5
 
Sopratutto non capisco i motivi per cui nella nostra piccola città stia scomparendo sempre più il verde. Non ci sono parchi veri e grandi (neanche in periferia) dove rilassarci dagli stress quotidiani, un ciuffo d'erba qua, un alberello la, spazi verdi piccolissimi dove senti comunque un traffico pazzesco! La pista ciclabile lungo il fiume Misa non è mai stata realizzata e non ci vorrebbe niente, una stradina anche in terra battuta, sena lampioni ogni due metri, basta che ci sia poi una manutenzione seria. Mi sento soffocare, circondata e schiacciata dal cemento. Non appena posso me ne scappo in campagna e in montagna per godermi l'aria pura e il silenzio. Qui, ovunque c'è uno spazio anche piccolo, si costruisce, Senigallia è piena di gru, piena !! Dov'è il parco vicino alla pista ciclabile (dietro al tennis tavolo)??! Ancora c'è qualche campo, ma stanno costruendo anche lì, basta passare dall'altro lato, è pieno di cartelli delle imprese costruttrici. Fra poco anche quella pista ciclabile sarà trasformata in strada, i campi tutti venduti e si costruiranno decine di condomini, altro che parco. E intanto ci lamentiamo delle polveri sottili che ci accorciano la vita e continuiamo ad andare in macchina, (ce ne sono sempre di più!) nella piccola, piatta Senigallia, snobbando le nostre gambe e le bici. Che avvilimento !
 
 © GSA Senigallia dicembre  sito realizzato con ASP-Nuke  adattato da Creazione Siti Senigallia  Questa pagina è stata eseguita in 2,617188 secondi.
sito ufficiale dell'associazione senigalliese gruppo società e ambiente Versione stampabile Versione stampabile