GSA Senigallia gsa Seniggallia gsa Seniggallia novembre Notizie
  Notizie     
 
Visitatori
Visitatori Correnti : 7
Membri : 0

Per visualizzare la lista degli utenti collegati alla community, devi essere un utente registrato.
Iscriviti
Iscritti
 Utenti: 53
Ultimo iscritto : sfrance
Lista iscritti
Top - Siti web
Benvenuto sul Monte Catria (IT)
Associazione Amici del Centro Ricerche Floristiche (IT)
Le Terre di Frattula (IT)
VivereSenigallia (IT)
60019.it (IT)
Se trovi un libro... (IT)
Enciclopedia online (IT)
Movimento Lento Ciclabile (IT)
La permacultura (IT)
Latte crudo (IT)
infs-acquatici (IT)
Associazione A.R.C.A. (IT)
Versioni
Log in
Login
Password
Memorizza i tuoi dati:
Eventi
<
Novembre
>
L M M G V S D
-- -- 01 02 03 04 05
06 07 08 09 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 -- -- --

Questa settimana
Statistiche
Wikipedia
Orologio
Modulo Ricerche


IL MOTORE ECOLOGICO

 
nel web  
pagine in italiano
  

Bacheca

IO STO CON
EMERGENCY

GSA sta con emergency
 firma l'appello
 on line


PRONATURA


BANCAETICA


GSA on FACEBOOK


Il rispetto dell'Ambiente
è un gioco molto serio!


fonte:
Stop Consumo Territorio


Sito denuclearizzato

 
Quando i pellets sono radioattivi...
Inserito il 17 giugno 2009 alle 01:39:00 da sauro. IT - Decrescita domestica

La decrescita è felice con stufe e focolari a legna?
Il riscaldamento a legna è stato ormai quasi completamente soppiantato da sistemi automatizzati. Eppure alcune stufe e focolari sono realmente in grado di garantire il riscaldamento di vari locali della casa offrendoci notevoli benefici. Ecco quali sono…

Articolo di Emiliano Squillari tratto da www.decrescitafelice.it


Esistono apparati che possono garantire un’autonomia di fiamma e braci, fino ad oltre 15 ore
Domanda: è possibile con i ritmi moderni che ci obbligano a mancare per tante ore da casa, riscaldarsi in maniera efficace, attuando una decrescita felice?

Risposta: Sì, grazie ad apparati che possono garantire un’autonomia di fiamma e braci, fino ad oltre 15 ore… quante ore manchiamo da casa? Quante ore dormiamo? È meraviglioso rientrare a casa trovando un piacevole tepore e la stufa già accesa, solo da ravvivare!

Qualcuno, magari abituato a stufe o caminetti non adatti al riscaldamento, può credere che non sia possibile riscaldare una casa intera con una sola stufa: è spiacevole trovare una stanza calda e le altre gelide ed è altrettanto improponibile gestire una stufa per ogni stanza.

Alcune stufe e focolari sono realmente in grado di garantire il riscaldamento di vari locali, anche se posti su due piani, sfruttando i principi fisici del calore radiante e convettivo, senza l’ausilio di ventole o pompe che consumano corrente elettrica.




La decrescita è felice perché:

1) ci riscaldiamo meglio e di più, il comfort ambientale è maggiore grazie ad un continuo ricambio d’aria che viene aspirata dall’esterno ed espulsa spontaneamente dalla canna fumaria, questo fenomeno annulla la possibilità di condense su muri e vetri che causano muffe sulle pareti più fredde. L’aria nei locali subisce un continuo, naturale e salutare ricambio;

2) spendiamo il 70% in meno sull’acquisto del combustibile e risparmiamo come minimo 300 kw/h in corrente elettrica ogni anno (per il funzionamento di ventole o pompe).


Una stufa che ci permette di ottenere un abbattimento immediato, del 70 %, sul costo del riscaldamento invernale
L’isolamento termico dell’abitazione, garantisce risparmio, buon comfort ed è attivo anche contro la calura estiva. Se però non disponiamo di una grossa cifra in denaro per affrontare quei lavori (circa 20.000 euro per il solo tetto) forse avremo invece a disposizione 2.000 euro per l’acquisto di una stufa che ci permette di ottenere un abbattimento immediato, del 70 %, sul costo del riscaldamento invernale;

3) i panni stesi in casa, nei periodi di pioggia, asciugano rapidamente e noi possiamo fare a meno di costose ed energivore asciugatrici elettriche;

4) la famiglia gode la bellezza di una fiamma in bellavista che si agita in tortuose evoluzioni, confinata da un vetro termico di sicurezza. Provate a ritrovarvi con famiglia ed amici davanti ad un caminetto acceso, oppure davanti ad un termosifone caldo… la differenza è impagabile! Problematico sarebbe doverlo accendere ma grazie alla sua lunga autonomia, sarà sempre acceso, 24 ore su 24. Provate anche a cucinare patate e carne nel focolare pieno di brace, il cibo potrebbe essere più buono!

5) la CO2 emessa, sarà riassorbita naturalmente dall’albero che verrà piantato al posto di quello tagliato e non contribuirà all’effetto serra. I focolari moderni, grazie alla doppia combustione (talvolta addirittura catalizzata), raggiungono rendimenti dell’80% ed abbattono notevolmente le emissioni d’inquinanti;

6) possiamo utilizzare legname locale, procurando lavoro nella nostra regione e migliorando la bilancia dei pagamenti esteri, gravata dall’importazione dei combustibili fossili;

7) se volete, per rendervi autonomi, potete acquistare più facilmente un piccolo bosco che un pozzo di petrolio. Potete bruciare anche le potature delle piante del vostro giardino, la cenere sarà utile per concimare l’orto, allontanare le lumache e produrre biodetersivi;

8) nessun black out elettrico o crisi politica nei paesi esportatori di gas e petrolio, ci può costringere al freddo… quasi impossibile, poi, è il guasto dell’apparato che non è composto con complessi attuatori elettromeccanici e neppure può bucarsi un tubo e causare perdite d’acqua;


Il riscaldamento a legna, è stato quasi completamente soppiantato dai sistemi automatizzati
Nota sulla sicurezza:

Ogni strumento inventato dall’uomo, nasconde anche dei pericoli. Se si dispone di una canna fumaria realizzata a regola d’arte e la si pulisce regolarmente, non si avranno problemi di nessuna natura, tuttavia per eccesso di precauzione, possiamo installare un sensore di monossido e uno di incendio che consumano pochissima energia elettrica.

Per maggiori informazioni che andrebbero ben oltre lo scopo informativo dell’articolo, vi invito a visitare il mio sito amatoriale www.stufefocolari.com, con particolare attenzione alla sezione sulla sicurezza.

Note storiche:

Il riscaldamento a legna, venne quasi completamente soppiantato dai sistemi automatizzati di riscaldamento che sfruttavano combustibili fossili liquidi e gassosi, a causa della maggiore comodità che essi assicuravano.

Nonostante l’abbandono dei focolari a legna, alcune fonderie, si occuparono ancora di ricerca e riuscirono a realizzare stufe e camini in ghisa ed acciaio, con particolari doti d’autonomia.

Esistono anche altri tipi di stufe, dette ad accumulo, che garantiscono fino a 24 ore di calore e gran comfort ma sono veramente costosissime, pesantissime e vanno riaccese ogni 12/ 24 ore con difficoltà nella regolazione del calore che emettono.

In aggiunta sono state inventate le stufe a pellet che hanno doti d’autonomia ancora migliori ed inquinano poco. A mio parere, il limite di questi apparati sta nella loro complessità tecnica, sono più capricciosi, necessitano di più manutenzione e sono soggetti a guasti. Con il pellet raggiungiamo risparmi economici del 40 % rispetto al gas ma continuiamo ad essere dipendenti da consumi elettrici per il funzionamento delle sue ventole, inoltre il comfort termico è minore.


Provate a ritrovarvi con famiglia ed amici davanti ad un caminetto acceso, oppure davanti ad un termosifone caldo… la differenza è impagabile!
Esperienza personale:

In considerazione di un’ottica di decrescita “infelice perché obbligata”, guardandomi intorno, ho cercato di valorizzare le risorse che mi circondavano e che prima non consideravo.

Ho potuto apprezzare il godimento e la soddisfazione che trasparivano, nelle parole e negli occhi, di due amiche che riscaldavano le rispettive abitazioni con stufe a legna. Ho apprezzato personalmente il comfort termico nelle loro abitazioni ed ho poi valutato il gran risparmio economico ed il beneficio per la natura, infine mi sono lanciato nello studio di questi apparati da riscaldamento.

Ho sperimentato una normale stufa con scarsa autonomia, la casa era interamente riscaldata, il comfort eccezionale, la muffa che compariva in un angolo dell’abitazione era scomparsa, i panni lavati asciugavano rapidamente, la usavo anche per cucinare ma era sempre da riaccendere sia al mio risveglio che al rientro dal lavoro... un limite che detestavo.

Il risultato più interessante, è giunto quando ho scoperto questi focolari e stufe a legna a lunga autonomia. Solamente un’autonomia di almeno 10 ore, mi avrebbe garantito il riscaldamento continuo dell’abitazione e soprattutto di non avere il fastidio, di trovare la casa completamente gelida e la stufa da riaccendere. Non volevo affidarmi al carbone per mantenere l’autonomia di riscaldamento. Dopo l’acquisto dell’apparato ed un po’ di esperienza, mi dichiaro pienamente soddisfatto e non ho più bisogno di accendere la caldaia a gas per integrare i buchi vuoti, causati dallo spegnimento prematuro della stufa.

Felice Decrescita a tutti


Letto : 3419 | Torna indietro
 
 © GSA Senigallia novembre  sito realizzato con ASP-Nuke  adattato da Creazione Siti Senigallia  Questa pagina è stata eseguita in 7,394531 secondi.
sito ufficiale dell'associazione senigalliese gruppo società e ambiente Versione stampabile Versione stampabile