GSA Senigallia gsa Seniggallia gsa Seniggallia novembre Notizie
  Notizie     
 
Visitatori
Visitatori Correnti : 4
Membri : 0

Per visualizzare la lista degli utenti collegati alla community, devi essere un utente registrato.
Iscriviti
Iscritti
 Utenti: 53
Ultimo iscritto : sfrance
Lista iscritti
Top - Siti web
Benvenuto sul Monte Catria (IT)
Associazione Amici del Centro Ricerche Floristiche (IT)
Le Terre di Frattula (IT)
VivereSenigallia (IT)
60019.it (IT)
Se trovi un libro... (IT)
Enciclopedia online (IT)
Movimento Lento Ciclabile (IT)
La permacultura (IT)
Latte crudo (IT)
infs-acquatici (IT)
Associazione A.R.C.A. (IT)
Versioni
Log in
Login
Password
Memorizza i tuoi dati:
Eventi
<
Novembre
>
L M M G V S D
-- -- 01 02 03 04 05
06 07 08 09 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 -- -- --

Questa settimana
Statistiche
Wikipedia
Orologio
Modulo Ricerche


IL MOTORE ECOLOGICO

 
nel web  
pagine in italiano
  

Bacheca

IO STO CON
EMERGENCY

GSA sta con emergency
 firma l'appello
 on line


PRONATURA


BANCAETICA


GSA on FACEBOOK


Il rispetto dell'Ambiente
è un gioco molto serio!


fonte:
Stop Consumo Territorio


Sito denuclearizzato

 
Non ci piacciono!!!
Inserito il 25 luglio 2011 alle 22:47:00 da sauro. IT - Giardini Catalani

IL PRATO CATALANI


Di seguito alcune riflessioni sulla ristrutturazione dei Giardini Catalani, ad un mese dalla inaugurazione, una prima valutazione sull’argomento che è nostra intenzione approfondire dopo estate.

Le promesse mancate – Nell’incontro formale con gli assessori Memè e Campanile, ed in altri informali, ci era stato assicurato che nessun pino sarebbe stato abbattuto, salvo alcuni malati o pericolanti, al massimo cinque o sei. Invece di alberi ne sono stati abbattuti più di venti (su un totale di circa 50), quasi un dimezzamento. Anche l’assicurazione che saremmo stati informati degli sviluppi del progetto è restata lettera morta.
E’ più che comprensibile che al proposito qualcuno si senta preso in giro.

Oltre alla decimazione dei pini, si è proceduto anche

ad una eccessiva riduzione dell’area a verde, a favore di un mega – marciapiedi e dell’allargamento del Viale Leopardi. Un ampliamento che ci sembra eccessivo per una arteria che, una volta entrata a pieno regime la nuova complanare, è destinata a diventare una strada urbana.

E’ realisticamente difficile comprendere la tanta enfasi con cui viene presentata l’opera.
Gli aggettivi mirabolanti da parte di sindaco ed assessori non sono stati certo risparmiati, dal paragone con il Central Park di New York, fino alla intenzione del sindaco di invitare il ministro (quale?) per mostrarne la magnificenza dell’operato.
Ma a guardare bene è solo un prato, un semplice ed anche banale prato alberato!
Per di più di dimensioni molto modeste, circa 3.000 mq. - Meno della metà di un campo di calcio, le cui dimensioni medie vanno da un minimo di 7.500 mq ad un massimo di 10.000 mq.
Un piccolo spicchio di campo da golf, un prato “all’inglese” come ogni villa che vuol essere di prestigio ha, magari a fianco dell’immancabile piscina di plastica.
E non è neanche una novità per Senigallia, il Parco della Pace è lì da qualche decennio, di dimensioni ben più ampie, ed il cui prato alberato è abbondantemente utilizzato.

E’ improprio definirlo un giardino. Basta leggere la definizione di giardino che fanno specialisti o semplici enciclopedie per rendersene conto.
Generalmente tale definizione può essere sintetizzata come “uno spazio di terreno coltivato a fiori e piante ornamentali”; se trattasi di giardino pubblico andrebbero aggiunti altri elementi quali vialetti e panchine per il passeggio e la sosta del pubblico, fontane.

Molti dubbi sorgono in merito alle effettive possibilità di utilizzo dell’area.
Le panchine sono poche, rivolte verso la strada e ai margini dell’area verde, quindi non sempre all’ombra. Nelle ore di punta sono sempre tutte occupate: che tocchi prendere il numero come alle poste?
La possibilità di utilizzare un telo o altro al fine di sdraiarsi sul prato per prendere il sole (e fare pic-nic?), tanto sbandierata dai nostri amministratori, può essere una opportunità anche interessante, ma molto riduttiva. Limitata in primis ai giovani e giovanissimi; perché non vediamo certo gli anziani del centro storico e le badanti, magari con i loro assistiti, stendersi sul prato. E se anche così fosse, sarebbe limitato a soli due (massimo tre) mesi l’anno, per ovvie ragioni climatiche ed atmosferiche.
Gli altri 10 mesi, quando il terreno sarà umido e a volte fangoso, l’erba bagnata, come lo si utilizzerà? Tra l’altro l’erba umida o bagnata è anche molto scivolosa….
Allora la mancanza di percorsi e camminamenti si farà concretamente sentire.
Non si può pensare sempre e solo ad una città che vive tre mesi l’anno.

La potatura dei pini superstiti, alquanto drastica e a “scopetto”, è stata giustificata con la necessità di far penetrare la luce nel sottobosco e permettere così la crescita del prato. Vorremmo ricordare che la mancanza di vegetazione nel sottobosco di aghifoglie è dovuta, più che alla mancanza di luce, alla elevata acidità del terreno, derivata dai lunghi tempi di decomposizione del materiale organico. Infatti, la resina impedisce la rapida decomposizione degli aghi dei pini e delle altre conifere, ed è causa dell'acidificazione del suolo.


In sintesi: ieri avevamo un giardino (anche se maltenuto ed in abbandono), oggi un prato, e domani?


Per GRUPPO SOCIETA’ E AMBIENTE
Il COMITATO DIRETTIVO




Letto : 3003 | Torna indietro
 
 © GSA Senigallia novembre  sito realizzato con ASP-Nuke  adattato da Creazione Siti Senigallia  Questa pagina è stata eseguita in 4,210938 secondi.
sito ufficiale dell'associazione senigalliese gruppo società e ambiente Versione stampabile Versione stampabile