GSA Senigallia gsa Seniggallia gsa Seniggallia novembre Notizie
  Notizie     
 
Visitatori
Visitatori Correnti : 7
Membri : 0

Per visualizzare la lista degli utenti collegati alla community, devi essere un utente registrato.
Iscriviti
Iscritti
 Utenti: 53
Ultimo iscritto : sfrance
Lista iscritti
Top - Siti web
Benvenuto sul Monte Catria (IT)
Associazione Amici del Centro Ricerche Floristiche (IT)
Le Terre di Frattula (IT)
VivereSenigallia (IT)
60019.it (IT)
Se trovi un libro... (IT)
Enciclopedia online (IT)
Movimento Lento Ciclabile (IT)
La permacultura (IT)
Latte crudo (IT)
infs-acquatici (IT)
Associazione A.R.C.A. (IT)
Versioni
Log in
Login
Password
Memorizza i tuoi dati:
Eventi
<
Dicembre
>
L M M G V S D
-- -- -- -- 01 02 03
04 05 06 07 08 09 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
-- -- -- -- -- -- --

Questa settimana
Statistiche
Wikipedia
Orologio
Modulo Ricerche


IL MOTORE ECOLOGICO

 
nel web  
pagine in italiano
  

Bacheca

IO STO CON
EMERGENCY

GSA sta con emergency
 firma l'appello
 on line


PRONATURA


BANCAETICA


GSA on FACEBOOK


Il rispetto dell'Ambiente
è un gioco molto serio!


fonte:
Stop Consumo Territorio


Sito denuclearizzato

 
La variante del Brugnetto
Inserito il 08 ottobre 2012 alle 16:16:00 da sauro. IT - Comunicati stampa GSA





A TUTTI GLI ORGANI DI INFORMAZIONE LOCALE







Senigallia, 05/10/2012


OGGETTO: VARIANTE AL PRG TRASFORMAZIONI TERRITORIALI IN LOCALITA’ BRUGNETTO
realizzazione della variante alla strada provinciale Corinaldese – considerazioni

Nell’esaminare la planimetria dell’intervento previsto, ovvero un nuovo tratto stradale in località Brugnetto, non se ne comprende l’utilità pratica. Si può affermare che, per i volumi di traffico che attualmente percorrono la strada provinciale Corinaldese esistente, non si renda necessaria la realizzazione di un nuovo tratto di strada come variante solamente per consentire di alleggerire il traffico nei pressi di Borgo Castello le cui problematiche legate al traffico possono e devono essere risolte con altre soluzioni. L’esborso di tanto denaro pubblico per un’opera assolutamente non necessaria in quanto sproporzionata rispetto all’entità del problema da risolvere, ci sembra un notevole spreco di risorse. Nel realizzare un’opera infrastrutturale bisogna sempre tener conto del rapporto costi/utilità che, nel caso in questione, risulta fortemente negativo. La nuova strada racchiuderebbe Borgo Castello fra due strade e quindi gli

effetti dell’inquinamento dell’aria e acustico verrebbero ad aumentare non certo a diminuire. Così come permarrebbe la pericolosità dell’attuale strada Provinciale che, pur venendo declassata assumendo così le caratteristiche di strada comunale, manterrebbe, comunque un certo grado di pericolosità. Ai fini di garantire l’attraversamento della strada provinciale esistente in sicurezza per gli abitanti di Borgo Castello per raggiungere l’abitato del Brugnetto, sarebbe preferibile pensare soluzioni molto diverse e meno impattanti nei confronti del territorio. Alcuni hanno pensato di creare una rotatoria che raccordi l’esistente strada provinciale con la strada che conduce alle Bettolelle e la vecchia strada corinaldese oltre a realizzare un sottopasso ciclo-pedonale che colleghi Borgo Castello al Brugnetto. L’ idea di base non è affatto da scartare; dovrebbe essere approfondita e sviluppata redigendo uno studio di fattibilità reale; bisognerebbe però modificare il sottopasso ciclo-pedonale in sottopasso carrabile, ben sapendo che l’utilizzo dell’automobile è, a tutt’oggi, imprescindibile e che quindi gli abitanti di Borgo Castello godrebbero di una infrastruttura veramente utile. In questo modo non vi sarebbe interferenza fra il traffico locale e il traffico che attraversa la Frazione. I danni ambientali che provocherebbe la realizzazione di questa inutile strada sono piuttosto rilevanti. Oltre all’inquinamento prodotto dai mezzi d’opera, agli elevati consumi di materiale da costruzione, vi è da considerare il notevole consumo di buon suolo fertile e al conseguente danno economico provocato alle Proprietà interessate dall’attraversamento della strada in questione. Riesce difficile pensare che le proprietà riescano a coltivare anche quelle porzioni di terreno intercluse fra la vecchia e la nuova strada. Risulta più facile pensare che le porzioni di terreno, che di fatto risulterebbero inutilizzate, siano in futuro destinate ad un utilizzo edificatorio a beneficio dei soliti speculatori che realizzerebbero i soliti appartamenti di cui, francamente, non se ne avverte proprio il bisogno vista l’abbondanza, nel territorio di Senigallia, di abitazioni vuote o sotto utilizzate edificate, principalmente, a scopo meramente speculativo. La nuova strada occuperebbe una considerevole porzione di terreno fertile e predisporrebbe probabilmente, come già detto, la zona per ulteriori nuove edificazioni che si verrebbero a trovare in futuro, nella condizione nella quale si trova Borgo Castello oggi. Pertanto, nella disgraziata ipotesi che si addivenisse alla costruzione della nuova ed inutile strada, il Comune dovrà almeno prevedere la assoluta inedificabilità delle porzioni di terreno racchiuse fra la vecchia e la nuova strada. Si ritiene giusto sottolineare anche una evidente contraddizione: Il Comune si vanta con vigore della propria politica per la diminuzione del consumo di suolo, ma in questo caso agisce in modo esattamente contrario.


GRUPPO SOCIETA’ E AMBIENTE
Il Direttivo


Letto : 3482 | Torna indietro
 
 © GSA Senigallia novembre  sito realizzato con ASP-Nuke  adattato da Creazione Siti Senigallia  Questa pagina è stata eseguita in 2,242188 secondi.
sito ufficiale dell'associazione senigalliese gruppo società e ambiente Versione stampabile Versione stampabile