GSA Senigallia gsa Seniggallia gsa Seniggallia ottobre Notizie
  Notizie     
 
Visitatori
Visitatori Correnti : 5
Membri : 0

Per visualizzare la lista degli utenti collegati alla community, devi essere un utente registrato.
Iscriviti
Iscritti
 Utenti: 53
Ultimo iscritto : sfrance
Lista iscritti
Top - Siti web
Benvenuto sul Monte Catria (IT)
Associazione Amici del Centro Ricerche Floristiche (IT)
Le Terre di Frattula (IT)
VivereSenigallia (IT)
60019.it (IT)
Se trovi un libro... (IT)
Enciclopedia online (IT)
Movimento Lento Ciclabile (IT)
La permacultura (IT)
Latte crudo (IT)
infs-acquatici (IT)
Associazione A.R.C.A. (IT)
Versioni
Log in
Login
Password
Memorizza i tuoi dati:
Eventi
<
Ottobre
>
L M M G V S D
-- -- -- -- -- -- 01
02 03 04 05 06 07 08
09 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31 -- -- -- -- --

Questa settimana
Statistiche
Wikipedia
Orologio
Modulo Ricerche


IL MOTORE ECOLOGICO

 
nel web  
pagine in italiano
  

Bacheca

IO STO CON
EMERGENCY

GSA sta con emergency
 firma l'appello
 on line


PRONATURA


BANCAETICA


GSA on FACEBOOK


Il rispetto dell'Ambiente
è un gioco molto serio!


fonte:
Stop Consumo Territorio


Sito denuclearizzato

 
La "Sibilla " a Senigallia
Inserito il 08 giugno 2015 alle 16:36:00 da sauro. IT - Comunicati stampa GSA


“Sibilla” nel nostro immaginario collettivo, è una figura misteriosa capace di predire il futuro, nella realtà odierna, invece, è un grosso problema stanziato a 14 miglia dalle nostre coste.
Si tratta di

un impianto sotterraneo di oltre 218 km2 per lo stoccaggio della CO2.
La CO2 prodotta dalla “pulitura del carbone” viene portata allo stato liquido e iniettata con forte compressione in questi serbatoi naturali ricavati nel sottosuolo marino davanti a casa nostra.
Una cosa simile c’è ad Utsira in Norvegia, funziona dal 1996 e ha portato perdite molto consistenti e “movimenti” all’interno della formazione geologica della zona.
Non crediamo sia necessario ricordarvi che noi siamo zona sismica e molti dei nostri terremoti hanno l’epicentro in mare. E’ saggio in una faglia così instabile pompare CO2 ad alta pressione?
I pericoli di terremoto sono di due tipi:

1) L’attività sismica profonda può propagarsi alla cisterna.
2) L’operazione di iniezione può provocare essa stessa un evento sismico.

Il decreto Passera del 13 febbraio 2013 per la liberalizzazione del mercato energetico, ha trasformato l’Italia in un polo europeo del gas: estrattori, trivellatori, stoccatori fanno il bello e il cattivo tempo. Intanto lo “Sblocca Italia” considera le attività energetiche elemento di interesse nazionale e ha sottratto alle regioni e agli enti decentrati il potere di intervenire.
Non è solo il pericolo sismico quello che allarma: la C02 è inodore e incolore, una forte fuoriuscita non verrebbe segnalata dai sensi umani, ma l’asfissia sarebbe ugualmente inevitabile.
La C02 in fase liquida e ad alta pressione è soggetta a fenomeni di raffreddamento termodinamico con conseguenze tipo:

• Indebolimento della integrità della struttura di contenimento
• Dissoluzione della C02 in acqua con conseguenti fenomeni di corrosione.
• Formazione di ghiaccio secco e idrati in grado di limitare il flusso all’interno dei pozzi.
• Le caratteristiche chimico-fisiche dell’elemento lo rendono un “supersolvente”che a contatto con il piombo e il cadmio presenti nella zona, può causare effetti tossici.

Questi sono solo alcuni dei quadri che si possono presentare nella gestione di un impianto di questo genere.
L’istanza Sibilla è stata esaminata dalla Commissione tecnica di verifica dell’Impatto Ambientale VIA e VAS del Ministero dell’Ambiente e trasmessa al Ministro il 27 dicembre 2012 con parere favorevole del rappresentante della regione Marche.

Il 10 dicembre del 2012 il Ministro dell’Ambiente assieme a quello dei Beni Culturali e Turismo esprime la compatibilità ambientale.
Questo significa che si può passare alla fase operativa, per la quale il ministero deve comunque dare una VIA per l’autorizzazione allo stoccaggio.
A questo punto le nostre informazioni si arrestano.
Temiamo fortemente che verremo a sapere solo quando l’autorizzazione sarà data.
Per questo la prima esigenza è di avere informazioni sull’iter del procedimento Sibilla, perché
da questo momento, possono partire le indagini del sottosuolo che prevedono perforazioni e prove di stoccaggio.


Chiunque abbia interesse a ricevere privatamente informazioni attinenti gli argomenti trattati su questa pagina può scrivere a: viva.ilmare15@gmail.com lasciando il proprio indirizzo e-mail e numero telefonico.




Per il Gruppo Società e Ambiente
Il Comitato Direttivo


Letto : 3873 | Torna indietro
 
 © GSA Senigallia ottobre  sito realizzato con ASP-Nuke  adattato da Creazione Siti Senigallia  Questa pagina è stata eseguita in 1,496094 secondi.
sito ufficiale dell'associazione senigalliese gruppo società e ambiente Versione stampabile Versione stampabile